Archivi tag: scuola media ticinese

Ticinesi SÌ …somari NO…

“Rafforziamo la scuola media -Per il futuro dei nostri giovani” uno slogan banale divenuto un ‘iniziativa alla quale siamo chiamati a votare il 5 giugno? No, una priorità! I quattro anni di scuola media sono la base sulla quale si costruiscono gli individui futuri. Le elementari  sono le fondamenta; le medie sono il piano terra, è qui che si determina quello che i giovani ticinesi possono divenire o meno, come persone ma soprattutto come cittadini. Sono gli anni di passaggio verso l’età adulta, dove si cominciano ad intravedere le potenzialità individuali e a quali professionalità possono aspirare ad accedere. Anni che se ben sfruttati con un alto grado formativo, segneranno positivamente tutta la vita futura del giovane a prescindere del percorso formativo e lavorativo intrapreso in seguito.

Balle? Per nulla…dopo le medie nel nostro sistema si prevede o l’accesso al liceo o alla formazione professionale. Come no? Certo da poco si contempla una formazione professionale equiparata al liceo che permette un accesso, limitato e specifico, all’università. Ciò non toglie che il bagaglio culturale che si acquisisce alle medie, per molti, è e sarà unico e fondamentale. Una buona preparazione dal profilo didattico/culturale e un buon programma orientativo a livello di medie, potranno fare per molti la differenza fra essere dei cittadini in grado di far valere a pieno i propri diritti, nel rispetto dei doveri, venendo rispettati e chi no. La cultura se si hanno delle buone fondamenta e basi la si costruisce automaticamente giorno per giorno.

La cultura è fondamentale per il buon funzionamento della macchina sociale democratic … ohibò vuoi vedere che … ovunque vi sono tagli alla voce istruzione e cultura… che tutti abbiano letto uno stralcio  del manifesto antiborbonico, del 1860,di Francesco de Sanctis  e piegato a loro favore?  “un popolo ignorante non ragiona, ma ubbidisce“.. bhe questa era una provocazione per risvegliare le coscienza, oltre che una amara verità detta per spingere le regioni dominate dai Borboni a liberarsi dal giogo ed annettersi al Piemonte, sottolineando come la mancanza di istruzione facesse gioco ai dominatori.

Uhmmm se alla fine del ottocento i Borboni,e non solo  loro, sfruttando l’ignoranza dei sudditi dominavano indisturbati o quasi… nel novecento gli assolutismi …  oggi chi? No! Non voglio saperlo… preferisco ignorare chi dell’ignoranza dei cittadini guadagna e… e citando Francesco de  Sanctis “Noi abbiamo decretato la libertà in carta. Sapete, o signori, quando questa libertà cesserà di essere una menzogna? Quando noi avremo effettivamente uomini liberi; quando della plebe avremo fatto un popolo libero … Provvedere all’istruzione popolare sarà la mia prima cura” il 5 giugno voto per rompergli le uova nel paniere, chiunque sian … Zitti non fate nomi tanto gli urli di rabbia, se passa l’iniziativa, si sentiranno, minimo, fino a Berna.

2016-30-5--14-43-03
iooooiiticinesraglianteeeeiooo
Annunci