Archivi tag: Milano

Guardie di confine elvetiche alla Stazione Centrale di Milano? Ein zwei drei Schwyzerdütschen…

Sono passati poco meno di 60 giorni dall’elezione per acclamazione a presidente del partito UDC, avvenuta   a Langenthal, del  quarantottenne ingegnere agronomo, oltre che consigliere nazionale bernese, Albert Rösti. Dopo aver incassato una sonora sconfitta nella battaglia contro la “Modifica del 25.09.2015 della legge sull’asilo (LAsi)”,votata il 5 giugno 2016 ed  approvata con il 66,8%, si lancia in una nuova  iniziativa per proteggere il patrio suolo dall’invasione straniera: “chiudere le frontiere”. Nell’attesa di riuscirvi  propone, con forza, l’idea geniale di mandare le guardie di confine a Milano a controllare i treni sulla tratta Milano-Chiasso. Stando ai dati  in suo possesso  l’ottantacinque per cento degli ingressi dei rifugiati avviene sui treni di quella tratta. Inviterei il signor Albert Rösti a prendere il treno e fare un’andata e ritorno Lugano ­– Milano, si renderebbe conto della realtà di quella tratta. Credo che chi gli ha fornito le informazioni, a supporto della sua idea, non lo abbia informato della lunga sosta, che quasi tutti i convogli fanno, a Chiasso per i controlli di Dogana, quei pochi treni che non ferman a Chiasso hanno il controllo doganale fra Como e Lugano.

Certo bisogna far rispettare gli accordi di Schengen-Dublino, poco importa se in realtà il suolo elvetico è per molti asilanti solo una terra di passaggio, una sosta prima di raggiungere parenti e amici nel nord Europa. Poco importa se la situazione disumana, a cui assistiamo giorno per giorno, sia stata causata dall’assurdità della convenzione di Dublino, trattato che è  stato revocato, a livello Europeo, a gennaio di quest’anno proprio per la sua assurdità e insostenibilità,  oltre che  per ragioni di sicurezza… strano che al consigliere di stato bernese sia sfuggito che solo per la Svizzera vige ancora il trattato  di Dublino, essendo legato a Schengen ,e non gli sia sorto qualche dubbio sul fatto  che a livello europeo  ben sanno  che per la Svizzera la normativa è ancora legata alla convenzione di Dublino. Se le Alpi son una barriera naturale, la Svizzera è forse il posto di dogana del Nord Europa?

Cosa importa se stiamo vivendo un ‘emergenza umanitari senza limiti che pone l’Europa intera in piena violazione dei diritti umani,con il suo atteggiamento goffo  ed inadeguato di fronte alla crisi umanitari a che si è venuta a creare. Salvare il sacro suolo elvetico dall’invasione ottomana è la nuova parola d’ordine UDC. Quindi mandiamo inutilmente le guardie di confine a Milano a controllare tutti i treni internazional… ahaa no solo la tratta Milano –Chiasso. Unica nota positiva di tale idea sono gli eventuali nuovi posti di lavoro che si verranno a creare.

D’altronde, come afferma lo stesso consigliere nazionale bernese Albert Rösti, la Svizzera non può costruire muri sul confine. Purtroppo il confine Elvetico è troppo irregolare, fosse bello diritto…uhm  aspetta facendo parzialmente contente entrambe le leghe, Lombarda e Ticinese, si potrebbe squadrare un poco … magari arrivando fino a Milano. Chissà forse con una piccola invasione pacifica la destra svizzera acquisirebbe nuovi voti.  Tirare due belle righe dritte Domodossola –Milano e Chiavenna –Milano, costruirvi sopra una bella muraglia e via andare. Il lago di Como? Basta modificare un pochino la barriera già presente, se necessario erigerne una  sul Lago Maggiore, giù belli dritti, senza inutili deviazioni. Uhm …però Milano è una metropoli notevolmente più grande dei grandi agglomerati urbani svizzeri, inoltre è di difficile gestione, dunque si potrebbe puntare sulla Madonnina del Duomo e far convergere le due muraglie poco dopo piazza Duomo, senza così annettere tutta Milano, ma solo una fettina.

Per il momento accontentiamoci di inviare le guardie di confine alla Stazione centrale di Milano, poi si vedrà… se è vero come è vero che le vie per entrare in svizzera sono molte, oggi la centrale… domani la Garibaldi… per la prima volta nella storia si potrebbe fare una bella invasione pacifica…e poi gliela diamo noi della minoranza linguistica di nessuna  rilevanza agli Schwyzerdütschen.

1466338425_uploadimage
Milanswiss

.

Annunci