Archivi tag: Italia

Condannato per la rapina alla stazione di servizio di Vacallo,dopo 4anni colpisce benzinaio a Busto Arsizio

Busto Arsizio 20luglio quasi le 20:00 , come di consueto Marco Lepri rientra a casa con l’incassi di una lunga giornata di lavoro alla sua pompa di benzina. Un normale venerdì sera per il quarantenne bustocco, se ad aspettarlo nei pressi dello scivolo del garage di casa, non vi fosse stata una coppia di rapinatori in scooter.

Quattro colpi d’arma da fuoco, di cui tre raggiungono il benzinaio, uno all’addome e due alla coscia , e in un attimo i due malviventi si dileguano con il magro bottino, si parla di circa 1300euro, lasciando il quarantenne a terra ferito. Immediati i soccorsi e il ricovero all’ospedale di Legnano, dove M. Lepri si trova tuttora in prognosi riservata, per quanto sia ormai da considerarsi fuori pericolo.

Grazie all’attenzione di alcuni testimoni che hanno memorizzato il numero di targa dello scooter e all’intenso lavoro della Polizia di Stato di Busto Arsizio, guidata del pm Nadia Calcaterra, in sole 72 ore sono stati identificati e posti in stato di arresto i due malviventi. Trattasi di due pregiudicati, un quarantottenne nato in Germania residente a Tradate noto alle forze dell’ordine per traffico di droga, e un cinquantunenne di Cantù plurigiudicato per rapina a mano armata. I due complici si erano conosciuti in carcere.
Un fatto di sangue che in maniera trasversale interessa anche il  canton Ticino, non solo perché lo scooter risulta intestato ad un prestanome residente in Svizzera, ma anche perché la ultima condanna per rapina inflitta al cinquantunenne canturino dal tribunale di Como, nel non lontano 2014, risulta essere per una rapina alla coop di Como oltreché per il colpo alla stazione di servizio di Vacallo
2014-2018 …4  anni, ma era stato condannato ad otto anni di reclusione…un caso di mala giustizia? No, tutto si è svolto a regola d’arte, il malvivente canturino il mese dopo aver messo a segno la rapina a Vacallo, viene arrestato per una rapina in un supermercato di Como ,e si innesca il semplice meccanismo legal-burocratico: le autorità italiane segnalano ai referenti ticinesi di aver fermato l’autore di un reato compiuto oltreconfine; avvisato l’ente ticinese preposto si accorda con le autorità italiane su come agire ed in fine si da seguito al processo secondo gli accordi presi fra le varie autorità, ovviamente nel rispetto dei bilaterali e del diritto.

Nel caso in questione le autorità ticinesi, in accordo con le autorità lariane, hanno deciso di lasciare che il reo fosse giudicato e condannato dal tribunale penale di Como, oltre che per la rapina ai danni di un supermercato comasco anche per quella al distributore di benzina di Vacallo. Il tribunale lariano nel rispetto del diritto, secondo la procedura prevista dal diritto penale italiano in caso di confessione e fragranza di reato, è ricorso al rito abbreviato condannando il malvivente di Cantù ad una pena di otto anni, che  secondo la norma che regola i processi per direttissima si è commuta automaticamente in un terzo. Ecco spiegato perché il rapinatore di Vacallo /Como/Busto fosse già in libertà , dopo soli 4anni.

PicsArt_07-24-11.40.21
il rapinatore del benzinaio di Busto Arsizio è noto anche alla polizia cantonale ticinese
Annunci

I leghisti”Padani”aman mooolto il Ticino…

Ecco che con lo scandalo dentiere e sanità Lombarda vien fuori di tutto … anche i bei pensieri e parole. I gentili, ormai ex, rappresentanti della Lega Nord mentre facean i loro affari anche in Ticino, la signora Canegrati  detta lady Dentiera è titolare di una società avente  sede a Chiasso e par gestisca anche due studi oltre Gottardo, precludevano ogni genere di entrata alle gare di appalto a ditte del settore Svizzere … uhm pardon Ticinesi. Ma come? La Lega Nord che difende il diritto di libera circolazione delle persone? La Lega Nord che tanto d’amor ed accordo va con la Lega Ticinese, al di là di qualche piccolo apparente screzio?

La cosa divien ancor più interessante, se si considera, che proprio in Ticino volevano trasferirsi tutti, qualora le cose si fossero messe male. Il braccio destro del presidente della region Lombardia il signor Fabio Rizzi aveva, giustappunto  nascosti  per casa ingenti somme di denaro, per i tempi duri. Ovviamente è già in possesso di un regolar permesso di soggiorno in Svizzera,  da poco rinnovato. Certo che trasferirsi in un luogo che non si ama, è un bel sacrificio … sì perché da quanto emerso dalle intercettazioni con un gentil loro accolito balza all’orecchio ed, or che è scritto, all’occhio «… gli svizzeri mi stanno anche sui co…oni» or bene siam felici di saper che a tal gente gli Svizzeri, e con essi la Svizzera, non piaccia … ed onestamente dubito fortemente che il loro «… perché in Lombardia lavorano i Lombardi!» sia dettato da amor di patria. Non parliamo  della loro solerzia nel difender i frontalieri, che a ben guardare mi par proprio dettato da interessi più che personali. Considerando che …  quando non son loro stessi o i lor parenti stretti ad esser frontalieri, si scopre che …  anche in Ticino fanno” impresa”! Ovviamente con personale attentamente selezionato fra i … Ticinesi? Bhe non saprei … ma … pensando che per gli italiani 7,50 euro netti all’ora, non come lavoratore occasionale, è un sogno … voi che dite? Ticinese?

2016-17-3--23-32-33
“Appassionatamente sui co …oni”

Croack : bella la neve … ma stia a casa sua!

Dopo mesi che tutti guardavamo il cielo e i monti attorno, con un velo di malinconia, e tristezza. Veder le montagne spoglie e brulle, senza la loro bianca coperta invernale. Ecco che il finir dell’inverno una nevicata con la N maiuscola il ciel ci ha donato.

Quanta meraviglia e gioia, ai primi fiocchi. Tutti a condivider e postare le vedute dalla loro finestra del paesaggio lunare.Dolce … romantico  ..quasi sensuale . Pochi centimetri, illuminano il mattino. Nevica! Grossi fiocchi scendon felici 3 … 5 centimetri e il mondo cambia faccia. I suoni si smorzano tutto divien leggero e soffice. Una morbida gioia che riempie il cuore di … orca trota le gomme invernaliiiiii … e adesso? Spalo la neve davanti al garage e poi le strade saranno pulite. Basterà andar cauti e evitar di frenare.  Snow boots, pala, borsa con scarpine per la città, giaccone, guanti, pronti e via. Continua nevicare … 5 … 10 centimetri che bella, secca, soffice e leggera, in un attimo libero la stradina fino al cancello poi la strada sarà pul … no! Non son ancora passati! Beh sono su una secondaria vediamo 800 metri e sono sulla principale …  piano, piano, la curva senza frenare … ce la posso fare. Pala riposta in garage e via.

I fiocchi leggeri e biricchini, continuan a scendere. Faccio la curva, forza, son quasi allo stop, e poi la strada princip … non è pulita. Ecco, avranno avuto da fare, svolto e poi tanto devo immettermi nella cantonale, piano, piano ce la posso fare. Le gomme slittano un pochino … avvicino un po’ il sedile, la schiena si irrigidisce … ecco se rimango così tesa ancora un po’ sta nevicata mi costerà mal di schiena a non finire, mi conosco. Su pochi metri e arrivo alla cantonale, poi … non son passati.

Nevica … 10 … 15 centimetri, i minuti paiono ore le ruote slittano. Spengo la radio, alzo il riscaldamento avvicino ancor un filo il sedile … accidenti nevica … arriverò in ritardo … no! In autostrada pigio un po’ sul gas. Ancora pochi metri ed entro in autostradaaaaanooooooo … no … no! Non è pulitaaa! Tornare indietro non posso, fermarmi nemmeno, mi infilo nei solchi lasciati dal passaggio degli altri e … e via.

Tiro avanti il sedile, alzo il riscaldamento, agguanto con forza il volante. Ormai la schiena è perduta sono di cemento. Accellero un filino, slitto … 15 … 20 centimetri piano, piano … poi giù a Lugano non troverò tanta neve … le strade principali della grande Lugano saranno pulite. Esco alle 5 vie e in un attimo sarò in centro. L’ultimo sforzo. I secondi paiono ore … le ore giorni … Lugano … la grande Lugano … neve ovunque … una calda lacrima mi riga il volto, sciogliendo il rimmel … sono quasi arrivata …in ritardo, ma ci sono. Parcheggio e vorrei andar a dormire … 20 … 25 centimetri mi guardo intorno non sono l’unica a non aver messo le gomme invernali, viste le facce sconvolte di molti. Su asciughiamoci gli occhi un’aggiustatina e via.

Che vergogna però … non hanno pulito le strade con quel che paghiam di tasse altro che pulite dovevano essere. Certo siam a marzo ma la meteo svizzera lo aveva detto. Il primo che mi dice bella la neve gli dò una testata. Bella la neve sui monti lontano dalle strade, dalle città, dalla gente che lavora e ha da fare. Se vuol proprio scendere, scenda…  senza romper alberi, sgonfiare pressostrutture, creare ingorghi e farmi spendere inutilmente in un treno di gomme da neve … facendomi rischiare una multa e l’osso del collo . Uh anche il trenino Lugano – Ponte Tresa  è rimasto fermo, anche lui senza le gomme da neve?

2016-07-3--12-42-05 nevica nevica nevica.png