Archivi tag: elezioni cantonali

Elezioni cantonali ticinesi …cancelleria frettolosa…. caos garantito

Manca ormai poco meno di un mese all’appuntamento con le elezioni cantonali ticinesi. Questa tornata elettorale vede presentarsi 18 liste per il Gran Consiglio e 13 per il Consiglio di Stato. Ai partiti e movimenti tradizionali, si son aggiunte diverse nuove sigle. Il verdetto delle urne non è scontato dopo una legislatura complessa, che ha visto tutte le fazioni politiche travolte dagli eventi e catapultate in una crisi trasversale.

Quelli appena passati sono stati 48 mesi costellati da: scandali, fratture, defezioni, processi, illazioni, sbandamento, burocrazia sempre più farraginosa, errori di valutazione, errori amministrativi … che sia giunto il momento di pensare ad un cambiamento radicale?! Chi salirà a palazzo delle Orsoline per i prossimi 4 anni avrà l’arduo compito di riordinare… sì perché quella che sta per finire è stata una legislatura caotica fino all’ultimo istante. Esagero? Non direi visto che di recente si è dovuto ristampare il materiale di voto creando costi, ritardi, problemi e confusione. Cosa è successo?

Il problema è nato da un malinteso burocratico-amministrativo. Il 30 gennaio il Consiglio di Stato aveva stralciato il nominativo dell’avvocatessa Xenia Peran, poiché risultava cittadina svizzera residente all’estero non iscritta al catalogo elettorale, dalla proposta di lista per l’elezione del Gran Consiglio e del Consiglio di Stato della neonata Lega Verde. Prontamente l’avvocatessa Peran ha presentato ricorso dimostrando che avendo da poco trasferito la residenza principale a Milano, era normale che non risultasse iscritta al catalogo elettorale, anche se al momento dell’annuncio della sua presenza sul suolo italiano alla rappresentanza Svizzera aveva provveduto all’iscrizione al catalogo elettorale elettronico degli svizzeri domiciliati all’estero.

Il Governo ha preso atto della regolarità della candidatura ha accolto il ricorso reintegrando seduta stante la candidata nella lista per il Gran Consiglio, mentre il reintegro nella lista del Consiglio di Stato è giunto a fine febbraio. Purtroppo, la Cancelleria di Stato, al momento dell’accoglimento del ricorso del reinserimento del nominativo della candidata Peran nella lista del Consiglio di Stato, aveva già provveduto alla stampa e alla distribuzione nei vari comuni, per l’invio a tutti i fuochi, del materiale di voto. Ovviamente, con l’ufficializzazione dell’accoglimento del ricorso, si è prontamente provveduto al ritiro del materiale per le elezioni errato e alla sostituzione con nuovo materiale.

Nuove …vecchie….quale scheda è valida? A Palazzo delle Orsoline hanno deciso di cambiare da blu a verde il colore della scheda riguardante il Consiglio di Stato in modo da garantire il corretto svolgimento dello spoglio delle schede elettorali giunte via posta

In effetti la vicenda coinvolge gli elettori che votano via posta. Quindi, non essendoci la possibilità di votare su una piattaforma cantonale sicura di e-voting, i ticinesi che vivono all’estero devono prestare attenzione alle schede del materiale di voto che rinviano alle cancellerie dei comuni di riferimento, pena l’annullamento della scheda.

Quindi nella busta da rispedire, per le elezioni cantonali ticinesi del 7 aprile 2019, va messo: la carta di legittimazione di voto; la busta rossa contenete la scheda elettorale per il Gran Consiglio rossa e la busta blu contente la scheda elettorale per il Consiglio di Stato verde.

Il 7 aprile 2019 si avvicina e darà il via a un nuovo quadriennio…

Rosso con rosso ,blu con….
Annunci