Archivi categoria: Ticino

Matrimoni … scivoloni arcobaleno …

Dall’apparenza innocua, ma deleterie nella sostanza spiccano fra le diverse insane usanze, risalenti alla fine del XX secolo, il politically correct e i surrogati. Senza rendercene conto abbiamo creato una società surrogata. Fra i formaggi   senza lattosio e la ridistribuzione delle risorse umane, un tempo detto “licenziamento di massa, ecco che troviamo il registro delle coppie di fatto o dell’unione domestica o pacs … or bene vogliamo parlarne? Il registro o “Patto civile di solidarietà” è un surrogato dell’istituzionale del matrimonio riservato alle coppie omosessuali.

I paesi europei ove il matrimonio civile è aperto a tutti indistintamente sono solo 13 … ehm no … in Slovenia la legge è durata solo 9 mesi, a dicembre a seguito di un referendum popolare è stata abrogata. Per fortuna non riuscivo ad accettare di essere superati anche dagli sloveni in quanto equità e laicità dello stato democratico. Già dover digerire  che  Spagna e Portogallo  hanno dimostrato una miglior capacità di gestire la separazione  fra  stato e chiesa … è dura! Beh dicevo, sono solo 12 i paesi che hanno superato il malsano surrogato ed equiparato le coppie eterosessuali, per chi avesse dubbi le coppie uomo /donna, a quelle omosessuali. Purtroppo l’Italia non è fra questi  anzi. Anche se nei  prossimi giorni il governo italiano rischia di scivolare su una buccia di banana arcobaleno. La tanto sospirata legge Cirinnà sulle unioni civili, dopo essere stata epurata da fastidiose questioni come la possibilità di adottare i figli del partner, verrà sottoposto al voto di fiducia giovedì. Speriamo … il surrogato del surrogato è meglio di niente. Sarà un primo passo verso il matrimonio civile per tutti, che decreterà l’emancipazione dello stato Italiano. Illusione ? No!

In Svizzera? In Svizzera  l’istituzione del registro dell’unione domestica risale al 2007. Lo scorso anno si è ventilata la possibilità di proporre l’apertura dei matrimoni civili a tutti, abolendo la distinzione di sesso ed orientamento sessuale. Se tutto va bene la Svizzera diverrà il 13ᵒ paese del vecchio continente a …  poco probabile? Dai sondaggi sono favorevoli quasi 7 svizzeri su 10. Poi la Svizzera non ha mai subito ingerenze esterne, fatta eccezione qualche leggera pressione Euro-USA sul segreto bancario e qualche piccolo altro caso di nessuna reale importanza. In Svizzera si sono spesso prese posizioni dure contro le ingerenze clericali. Il governo svizzero è fondato sulla netta separazione fra Stato e Chiesa. A ben pensarci  se  il governo accoglie la petizione “Matrimonio per tutti! Adesso vogliamo la votazione popolare” il problema della distinzione fra coppie etero sessuali e  omosessuali verrebbe meno. Quindi perderebbe senso la votazione dell’iniziativa  “Per il matrimonio e la famiglia –No agli svantaggi per le coppie sposate” ,del 28 febbraio 2016 ,che chiede l’abolizione degli svantaggi fiscali e delle assicurazioni sociali, riguardanti  le coppie sposate in relazione alle altre forme di unione domestica. Aspetta un attimo … l’iniziativa non pone solo sullo stesso piano dal punto di vista fiscale e delle assicurazioni sociali le varie forme di convivenza, ma impone una chiara definizione di matrimonio civile «Il matrimonio consiste nella durevole convivenza, disciplinata dalla legge, di un uomo e di una donna».

Urca la Svizzera in un sol giorno si gioca democrazia, laicità e libertà. Considerando  che il 28 febbraio 2016, oltre a rischiare di divenire la data che segna la lesione dell’indipendenza e della libertà del sistema giuridico Elvetico, corre il pericolo di divenire il giorno in cui il governo  svizzero cede ai continui tentativi di ingerenza della chiesa.

2016-24-2-14-48-021
LGBT &ETERO
Annunci

San Gottardo NO…SÌ…NÌ… tutti hanno ragione…nessuno ha torto

Eccoci arrivati! Il 28 febbraio è dietro l’angolo, dopo un anno con le Alpi e il San Gottardo protagonisti, siamo finalmente giunti al voto. Or dunque come procedere al risanamento del tunnel del San Gottardo?

Ripristinare il servizio ferroviario navetta sarebbe l’ideale, lasciarlo come alternativa permanente…come va smantellata? Ahah  ecco già nel 2007 Inderkum Hansheiri, con undici cofirmatari, depositò un’interpellanza  chiedendo di affiancare al tunnel un servizio navetta permanente. Proposta bocciata, le ferrovie sono ormai una SA ed in quanto tale devono fare utile. Strutture costose e poco redditizie come le navette non posso essere tenute in attività oltre lo stretto necessario richiesto da situazioni d’emergenza. Vero che che: “fare e disfare è sempre lavorare”, ma spendere cifre consistenti per strutture destinate alla demolizione … mah…

Il raddoppio del tunnel?  ottobre 2008 un gruppo di 11 consiglieri agli stati, con portavoce F.Lombardi, deposita un postulato, proponendo la costruzione di una seconda canna del tunnel del Gottardo.  Il consiglio federale boccia la proposta, poiché contraria alla volontà popolare espressa nell’articolo costituzionale riguardante la protezione delle Alpi.

Cosa è cambiato in questi 7 anni? La posizione internazionale della Svizzera?

O forse chi siede sugli scranni a Berna ha ceduto, per esasperazione, agli undici firmatari del postulato presentato dal consigliere di stato Filippo Lombardi, capaci come le gocce di scavare la roccia, anzi il granito.  O più semplicemente, triste a dirsi, d’alternative non ve ne sono.

Chiuderlo? Isolare il Cantone con ripercussioni negative economico e sociali. Sembrerebbe, che le opere di risanamento richiederanno non mesi, come si pensava originariamente, ma anni. Anche se sul sito  dell’USTRA trovo : chiusura notturna  5 mesi per le opere di risanamento urgente e per il rifacimento totale si va dalla chiusura totale di 3 anni o 5 anni di chiusura solo invernale. Bhe non son pochi ,ma… tutto sommato il tunnel ha ormai quasi 36 anni, siamo alle porte di una nuova era tecnologica e dei trasporti. Sicuramente faranno lavori ordinari e straordinari considerando che tra dieci anni vi sarà una dominante di auto elettriche, interconnesse ed autonome. Servirà più tempo rendere il tunnel all’avanguardia per non dire avveniristico, la commercializzazione delle auto elettriche, interattive, connesse ed autonome, almeno in autostrada, è prevista dal 2020 in poi. Lo vedo già…il tunnel del San Gottardo diverrà un’attrazione mondiale. I turisti di tutto il mondo verranno ad Airolo e Göschenen per visitare il primo tunnel autostradale 2.0, interattivo, interconnesso, a misura dei mezzi a guida autonoma e grazie a ciò sicuro.

Purtroppo il passaggio dalla mobilità tradizionale a quella autonoma richiederà delle corsie privilegiate e dedicate è quindi inevitabile anche la mobilità futura esige più corsie. Argh … è difficile da accettare il raddoppio.

Certo ciò non toglie che la legge costituzionale sulla protezione delle Alpi vada tenuta pressoché, invariata e il traffico limitato e controllato. Magari la Svizzera potrebbe aspirare a divenire il primo stato a mobilità pubblica e privata, interconnessa, elettrica, sostenibile, condivisa, a basso impatto ambientale e magari in un’ottica di sharing economy.

Altra alternativa? Far implodere il San Gottardo, in fondo ormai è tutto un buco. Un’esplosione controllata i detriti li si rivendono, all’edilizia ed affini. Dopo vediamo … due per i soccorsi, due per i camion a guida autonoma, due per i camion tradizionali, due per le auto autonome e due per le auto tradizionali … totale 10 corsie, 5andata e 5 ritorno.

2016-10-2--13-16-35
2025 Pian Gotardo

Articolo del sole 24 ore sul progresso della viabilità http://www.motori24.ilsole24ore.com/Dossier/auto-che-si-guidano-da-sole/articoli/auto-guida-autonoma.php?refresh_ce=1

In Ticino shopping full time e family nulltime?

Il 28 febbraio i ticinesi dovranno votare la legge riguardante gli orari di apertura dei negozi. La norma prevede:l’estensione del lavoro festivo; il prolungamento di mezz’ora dell’orario infrasettimanale d’apertura, ad esclusione del giovedì , al sabato un’ora e mezza  e si avrà un‘ulteriore apertura domenicale.

Era ora … finalmente una buona scusa per non passare, nemmeno per sbaglio, un minuto con la propria prole. Magari qualche domenica …  un paio d’ore, pulendo casa, si potranno passare in loro compagnia, ma … ma quel giusto lasso di tempo, appena sopportabile, per poter dire:” Siamo una famiglia!”. Non sembra ma quando non ti puoi permettere di mandare i figli in collegio come interni … è un dramma! Se passa questa legge, sarà un sogno realizzato.

Vedere, al mattino, i vari componenti del nucleo famigliare lavandosi i denti, tenendo in equilibrio una tazzina di caffè e un ghipfel. Tornare a casa alla sera e trovare i propri figli, se non già addormentati, pronti per andare a letto. Mangiare un pasto frugale e leggero … addormentarsi cullati dalla televisione. Questo idillio fino a domenica ,e se sei fra i pochi fortunati alcune domeniche saranno comprese … che cosa si può voler di più dalla vita? Nulla, considerando che si ha anche la scusa, morale, per non utilizzare i mezzi pubblici. Certo quello che si guadagna, lavorando 4 ore in più alla settimana, finisce nel pagare il parcheggio e babysitter, ma se questa legge passa … che meraviglia… finalmente liberi.

Posti di lavoro in più? ZERO. Introiti per i negozi? ZERO. L’esperienza di altri cantoni insegna che il prolungamento degli orari sposta semplicemente  l’orario del cliente dell’ultimo secondo, che spesso è, a sua volta, un negoziante o commesso.

Dal 1970 ad oggi le esigenze dei consumatori e le loro abitudini sono mutate. La crisi ed internet hanno portato ad un consumo più mirato, attento al rapporto qualità /prezzo e sempre più spesso e-commerce.

2016-04-2--13-55-56
job burns