Archivi categoria: Ticino

Il 10 febbraio 2019 alle urne … Ambiente vs Edilizia

Il primo appuntamento alle urne dei cittadini svizzeri quest’anno cade il 10 febbraio 2019.  L’iniziativa federale per la quale siamo chiamati alle urne riguarda la salvaguardia del territorio svizzero.

Tutti alle urne per votare su un solo argomento? Il tema della votazione è piuttosto delicato, per quanto in apparenza non sembri, «Fermare la dispersione degli insediamenti – per uno sviluppo insediativo sostenibile (Iniziativa contro la dispersione degli insediamenti)».

La proposta che i giovani verdi hanno depositato nel 2016, si snoda in pochi punti: 1) quartieri sostenibili >> Nell’ambito delle loro competenze, Confederazione, Cantoni e Comuni provvedono a pianificare il territorio in modo da avere aree abitative e lavorative, bene servite, costruite secondo i principi della moderna edilizia ecosostenibile a basso impatto ambientale, non dimenticando la dimensione uomo; 2) sviluppo edilizio all’interno delle aree urbanizzate >> proseguire con la politica iniziata con la LPT del 2013 non dimenticando che questo sviluppo deve conciliarsi con un’alta qualità di vita e rispettare le particolari disposizioni di protezione; 3)compensazione>> la possibilità di destinare a zona edificabile una determinata area verde unicamente se si rende agricola un’area edificabile di pari dimensione e rendimento; 4) Fuori della zona edificabile domina l’agricoltura >> sono autorizzati esclusivamente edifici e impianti a ubicazione vincolata destinati all’agricoltura dipendente dal suolo o edifici a ubicazione vincolata d’interesse pubblico; 5) edifici esistenti >> tutti i caseggiati ormai già costruiti fuori dai paesi e/o città sono protetti nella loro situazione di fatto, quindi in via eccezionale possono subire ampliamenti e cambiamenti di destinazione purché siano di lieve entità.

L’iniziativa sembra proporre di limitare l’urbanizzazione selvaggia salvaguardando le aree agricole, mentre la regolamentazione attuale? Anche se in misura minore la <revisione della legge sulla pianificazione del territorio>, approvata nel 2013 ed ora in vigore, contempla la lotta contro dispersione degli insediamenti e limita le aree edificabili alla sola stretta periferia di paesi e città. Purtroppo, questa legge sulla pianificazione del territorio ad oggi non è riuscita a valorizzare adeguatamente le aree verdi e soprattutto non ha veramente posto un reale limite alla speculazione edilizia.

«Fermare la dispersione degli insediamenti – per uno sviluppo insediativo sostenibile (Iniziativa contro la dispersione degli insediamenti)» racconta un ideale di vita sostenibile in armonia con l’ambiente circostante. Purtroppo, ridurre a zero l’apertura verso le periferie delle città, spingendo al massimo verso la progettazione edilizia interna ai centri cittadini, porterebbe l’innalzamento del rischio di trovarci a sacrificare all’altare delle esigenze urbane la vivibilità…guarderemo fuori dalla finestra e vedremo solo altre finestre.

Certo, nel testo si chiede alle istituzioni di pianificare il territorio con particolare attenzione alla sostenibilità dei quartieri, ma quanto questo è possibile oggi? Considerando la situazione attuale, ove si ha una parziale limitazione di edificazione all’esterno delle aree già urbanizzate, pare chiaro che il rigido blocco della creazione di nuove zone edificabili porterà all’aumento dell’altezza dei palazzi oltre a rendere ogni francobollo di terreno costruibile un bene prezioso, alimentando le speculazioni edilizie, aumentando i costi di costruzione e di conseguenza i prezzi delle abitazioni…nessuno vuole andare in perdita quindi altissimo è il rischio di veder le città a divenire dei grigi formicai semi deserti e nel contempo crescere i problemi d’alloggio.

Questo è un voto difficile forse perché l’ideale incontrerebbe la realtà a metà strada. Che il 10 febbraio 2019 vinca la scelta migliore …

ambiente vs edilizia
Annunci

2018 Un natale della patria rovente…auguri Helvetia

Primo agosto 2018 quest’anno la festa nazionale sarà un po’diversa dal solito senza i tradizionali fuochi. Purtroppo a causa della canicola da record, che oltre ad aver investito il sud, ha colpito anche il centro Europa, in tutta la Svizzera si è dovuto vietare falò e fuochi d’artificio privati e non solo.
La calura non solo ha messo in difficoltà le zone altamente trafficate e industriali a causa dello smog, ma ha anche seccato in maniera importante i sottoboschi. La portata dei fiumi, come il livello delle acque dei molti bacini, di cui il nostro territorio è pieno, si è abbassata sostanzialmente.Il pericolo incendi e siccità è molto alto, per questo poche sono le zone che hanno confermato l’ormai tradizionale spettacolo pirotecnico del primo agosto.

Quante storie? Bhe i falò erano, come il corno delle Alpi, un mezzo di comunicazione ancestrale… pazienza si festeggerà il compleanno della nostra Helvetia con tanta musica, grigliate e gioia. Guardando il variegato calendario degli eventi previsti per festeggiamenti del 1 agosto,  non vi è che l’ imbarazzo della scelta ,si va dal brunch in fattoria a la grigliata   in città,  passando da festeggiamenti a sfondo sociale. Magari è una buona occasione per riflettere maggiormente,  rispolverando i valori alla base della nostra confederazione, visto che questa è una festa che va al di là  del credo politico o religioso,  del luogo in cui ci si trova o chi si è,  perché l’unica protagonista è e rimane la confederazione Svizzera.

Il compleanno della Svizzera è il momento in cui si ricorda la multietnicità, la pluralità religiosa, il multilinguismo, la sovranità del cittadino, il mutuo soccorso, il sostegno reciproco, la libertà… perché essere svizzeri significa essere liberi di pensare, parlare e agire sempre nel rispetto del prossimo. Si pensa al primo patto fetto fra i tre cantoni Uri, Svitto ed Unterwalden, e agli accordi successivi che hanno sottoscritto in seguito i vari cantoni costituenti la nostra confederazione ,fino ad arrivare all’attuale costituzione federale.

Buon primo agosto a tutti .

PicsArt_08-01-01.45.56
01.08.2018

 

Kangoo dance variante legnanese di un made in swiss…

Con l’ arrivo della bella stagione le vie e i parchi cittadini si animano. Bambini, ragazzi, adulti e anziani si riversano in strada. Le piazze e i parchi si trasformano in salotti, mentre sentieri boschivi, i giardinetti ed alcune vie cittadine divengono palestre a cielo aperto.
Legnano , piccolo popoloso centro cittadino dell’estrema periferia nord-ovest milanese, non fa eccezione. Appassionati di ciclismo e d’atletica sfrecciano felici con le loro aderentissime e coloratissime mise. Fra i tanti irriducibili della forma fisica spicca un’atleta che non corre e non pedala, ma salta creando delle colorate coreografie lanciando e roteando i lunghi nastri tanto cari alla ginnastica artistica…il suo nome è Sergio. La disciplina praticata per le vie cittadine da Sergio si chiama kangoo dance.
Di cosa si tratta? È una variante della kangoo jump, una ginnastica aerobica nata in Svizzera, che negli ultimi anni ha spopolato in USA. La kangoo dance prevede delle coreografie a ritmo di musica e nella variante technicolor di Sergio l’ uso dei coloratissimi nastri, tipici attrezzi della ginnastica artistica, per allenare le braccia, il tutto calzando le tipiche calzature molleggiate le kangoo shoes.
Questi stivaletti molleggiato furono studiati e prodotti per aiutare gli atleti nella fase di allenamento e recupero della forma fisica, il caratteristico rimbalzo attutisce i colpi sul terreno proteggendo le giunture senza compromettere i benefici dell’allenamento.
Le kangoo shoes furono inventati Sion dal imprenditore svizzero Denis Naville agli inizi degli anni novanta dello scorso secolo. Il primo modello di kangoo shoes“KJ-1”venne presentato alla SISEL sport fair di Parigi nel 1994, suscitò subito molto interesse, divenendo protagonista di numerosi studi sui benefici e le possibili applicazioni di questi stivaletti.
Il grande successo della kangoo jump e delle sue varianti arriva agli inizi 2000 con la produzione della apposite calzature tecnologicamente più avanzate, idonee per ogni tipologia di persona e uso, che conquistarono lo star system hollywoodiano avendo così un’enorme “rimbalzo” mondiale ….fino ad arrivare a Sergio.
Sergio si è presto appassionato allo stile canguro e dopo aver seguito dei corsi ha iniziato a praticare liberamente la kangoo dance aggiungendo nuovi elementi per rendere più completo e divertente l’allenamento.

PicsArt_07-28-06.06.05
Sergio e la sua Technicolor Kangoo dance