Archivi categoria: A come altri … A come amici …

Pane maledetto

libertario2016

Avere un forno e una bottega era una fortuna, in una Svizzera schiacciata dai nervi Lo Stranierodell’Europa in crisi. Alberto aveva sedici anni e tirava la cinghia, in buona compagnia. Padre italiano, italiano lui e i suoi fratelli. Alla bottega del pane gli facevano credito solo perché la mamma era di Claro. La famiglia proprietaria era una di quelle patrizie, venata dalla sottile prepotenza dei creditori che usano il guanto della carità per nascondere il pugno di ferro.

La storia si fece ingovernabile quando Alberto, prostrato dall’inedia e dalla sottomissione, un accidentato giorno rubò un filone di pane bianco. Rapida inchiesta familiare e la madre si presentò con lo scialle di tutti i giorni a chiedere scusa per il delitto del figlio. I soldi della pagnotta in mano.

– A ciamom la polizii – disse il padrone. E così fece.

I poliziotti giunsero da Bellinzona di malavoglia.

– Guardi che se…

View original post 240 altre parole

Annunci

Sfamati dalla solidarietà Svizzera/ Firdaus: reggiamo ancora per una settimana

A dare il pranzo lunedì 19 luglio ai profughi che hanno trovato rifugio alla stazione di Como ha provveduto la solidarietà svizzera. Intervista a Lisa Bosia Mirra, deputata socialista ticinese . Per saperne di più  cliccate sul link sottostante ….

Sorgente: Sfamati dalla solidarietà Svizzera/ Firdaus: reggiamo ancora per una settimana

Europa: contro i demoni, torniamo a Ventotene

-di GIANCARLO MERONI-

L’idea centrale del  Manifesto di Ventotene è che “la contraddizione essenziale, responsabile delle crisi, delle guerre, delle miserie e degli sfruttamenti che travagliano la nostra società, è l’esistenza degli stati sovrani, geograficamente, economicamente, militarmente individuati, consideranti gli altri stati come concorrenti e potenziali nemici, viventi gli uni rispetto agli altri in una situazione di perpetuo bellum omnium contra omnes” Eppure lo Stato nazionale è stato il veicolo attraverso il quale si sono affermati e sono stati codificati i diritti e le libertà universali dell’uomo, lo Stato di diritto e l’uguaglianza di fronte alla legge. Il fatto è che questi grandi principi possono diventare operativi se vengono adottati e rispettati universalmente. Lo Stato nazionale incarna, quindi, una contraddizione profonda ad esso connaturata che può essere superata solo se si effettua un trasferimento della sua sovranità ad un’Autorità democratica superiore a carattere internazionale e federale. Senza questo passaggio le…

View original post 1.039 altre parole