Agenzie interinali … occupazione flash.

Risale  al 21 marzo 2016  la manifestazione, organizzata dalle associazioni della sinistra radicale ticinese, contro le agenzie interinali e l’occupazione simbolica e lampo degli uffici Adecco di Bellinzona.

Alla fine del XX° secolo le agenzie del lavoro private facevano timidamente capolino nel mondo del lavoro in Ticino, proponendosi come alternativa valida all’ufficio di collocamento. Nel corso degli anni si sono imposte ponendosi come ponte fra lavoratore e datore di lavoro. Parola d’ordine “alleggerire” semplificando la vita dei lavoratori e dei datori di lavoro, garantire continuità lavorativa, sicurezza, affidabilità, fornire personale qualificato … trovare sempre e comunque la persona giusta per il posto giusto.

Bhe …  non si può dire che non abbiano svolto e non svolgano una funzione alleggerente, certo non rendendo più facile ai lavoratori trovar lavoro; non semplificando la ricerca di personale qualificato e specializzato alle ditte; non aiutando a ridurre le liste della disoccupazione e dei richiedenti sussidi. Bha, non si sa com’è , e come non è, tutti più “leggeri” sono … forse sol di tasca.

  Cosa fanno esattamente queste agenzie? Si occupano di flessibilità e mobilità del lavoro. Quando le ditte hanno momenti di super lavoro e esigono più braccia si rivolgono alle agenzie, che dietro compenso le forniscono … sì non ho sbagliato le ditte pagano la prestazione d’opera delle agenzie, e non solo loro. Ecco che nel corso degli anni quello che doveva essere un ponte è divenuto un muro. Il mercato del lavoro è divenuto sempre più difficile. Le ditte chiudono, i negozi chiudono, sempre meno lavoro, minori guadagni, che portano a dover diminuire le spese far sempre più tagli di personale e salariale.

Con l’avanzare della crisi l’unica industria fiorente sembra essere proprio quella delle agenzie interinali negli ultimi 5 anni sono aumentate, nel nostro cantone di 30 unità arrivando ad essere 130. Nel solo Ticino, dal 2005 a oggi, il numero di lavoratori interinali è raddoppiato si è arrivati ad avere 11’500 unità. Si è così costruita una muraglia sempre più alta, con passaggi sempre più stretti, controllati e radi. Un ecomostro che si nutre delle paure che la crisi a ha generato, del bisogno di sopravvivere delle ditte e dei lavoratori. Forse però ancor lunga vita non ha, il colosso del settore  ADECCO nel terzo trimestre2015 ha registrato una flessione a causa di alcuni mutamenti del mercato e del cambiamento legislativo in Germania.

 Se una multinazionale del settore vacilla tanto stabile, questo grande muro forse  non è Mentre nella vicina penisola girano petizioni che chiedono la chiusura delle agenzie del lavoro. In Ticino numerose personalità di sinistra hanno firmato un appello di “Forum Alternativo”  portando anche, Lunedì 21 marzo 2016, alla discesa in piazza delle associazioni della sinistra radicale ticinese per chiedere l’abolizione delle agenzie interinali. Nel contempo il sindacato UNIA continua la sua battaglia, portando avanti la denuncia depositata a carico dell’agenzia ADECCO di Lugano nel 2014.

La destra? Neutra, specie la lega dei ticinesi non attacca, non difende, si astiene dal far commenti. Infondo è solo del 3 marzo 2014 l’articolo, sul “Il mattino”, dove, a modo loro, attaccano le agenzie interinali, denunciando il fatto che favorirebbero i lavoratori frontalieri. Cosa per altro già venuta alla luce nel lontano 2008, in un’inchiesta pubblicata su “TIO 20 minuti”. Che le agenzie interinali abbiano ottenuto il primato di risultar antipatiche a tutti?

1989 cade il muro di Berlino … 2016 cade il muro interinal/precariato e chissà che lavoratori e datori di lavoro non trovino, anche con l’aiuto della politica e delle sigle sindacali, finalmente il modo di dialogare; magari anche un poco azzuffandosi, nel cercar di trovare una soluzione per salvare il mondo del lavoro Ticinese e non solo.

Lasciatemi sognare, con il piccone in mano …

2016-28-3--16-07-30 muro precariato
Muro interinal /precariato
Annunci